29 settembre 2017

Lunedì 16 ottobre, ore 18.30: Conferenza di Alessandro Leogrande sul tema "La frontiera"

Carissimi soci ed amici,

lunedì 16 ottobre, alle ore 18:30, in apertura della Settimana della Lingua Italiana nel mondo, lo scrittore Alessandro Leogrande terrà nella sala polivalente dell’Istituto Italiano di Cultura a Oscarsgt. 56 una conferenza dal titolo: 

La Frontiera

Alessandro Leogrande, ispirandosi al suo libro “La frontiera” (Feltrinelli, 2015), ci porta a bordo delle navi dell’operazione Mare Nostrum; ci fa conoscere trafficanti e baby-scafisti, insieme alle storie dei sopravvissuti ai naufragi del Mediterraneo; ricostruisce la storia degli eritrei, popolo tra i popoli forzati alla migrazione da una feroce dittatura; ci racconta l’altra frontiera, quella greca, quella di Alba Dorata e di Patrasso, e poi l’altra ancora, quella dei Balcani; ci introduce in una Libia esplosa e devastata; ci fa entrare dentro i Cie (Centri di identificazione ed espulsione) italiani e i loro soprusi, nella violenza della periferia romana e in quella nascosta nelle nostre anime.

Alessandro Leogrande, nato a Taranto nel 1977, vive a Roma. È vicedirettore del mensile “Lo straniero”, editorialista del “Corriere del Mezzogiorno” ed è tra i conduttori di “Wikiradio” su Radio 3. Per il settimanale “Pagina 99” ha curato l'inserto “Fuoribordo” dedicato al long-form journalism. Ha scritto, tra l'altro: “Nel paese dei viceré. L’Italia tra pace e guerra” (L’ancora del Mediterraneo, 2006), “Uomini e caporali. Viaggio tra i nuovi schiavi nelle campagne del Sud” (Mondadori, 2008; nuova edizione Universale economica Feltrinelli 2016), “Le male vite. Storie di contrabbando e di multinazionali” (Fandango, 2010), “Fumo sulla città” (Fandango, 2013). Ha curato le antologie “Nel Sud senza bussola. Venti voci per ritrovare l’orientamento” (con Goffredo Fofi; L’ancora del Mediterraneo, 2002), “Ogni maledetta domenica. Otto storie di calcio” (minimum fax, 2010) e il volume “Trois Agoras Marseille. Art du geste dans le Méditerranée” di Virgilio Sieni (Maschietto editore 2013). Con Feltrinelli ha pubblicato “Il naufragio. Morte nel Mediterraneo” (2011), da cui è stata tratta l’opera “Katër i Radë” che ha debuttato alla Biennale Musica di Venezia nel 2014, e, nella collana digitale Zoom, “Adriatico” (2011). Il suo ultimo libro, pubblicato sempre da Feltrinelli, è “La frontiera” (2015; premio Pozzale Luigi Russo, finalista Premio Terzani).

Alla conferenza, organizzata dal Comitato della Dante Alighieri di Oslo in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura, farà seguito un piccolo rinfresco.

21 settembre 2017

Venerdì 22 settembre, all'IIC, ore 19, ingresso gratuito: Casanova, Venezia e la musica


OSLO\ aise\19 settembre 2016 - Una serata ad Oslo dedicata a Venezia e a Giacomo Casanova, l'avventuriero e uomo di mondo, ma anche raffinato intellettuale, scrittore, traduttore e rappresentante di un ‘700 cosmopolita ed irrequieto. L’appuntamento è per venerdì 22 settembre, alle ore 19.00, nella sede dell’Istituto Italiano di Cultura con l’evento “Casanova, Venezia e la musica”. Si parlerà della Venezia settecentesca come centro culturale internazionale, illustrando le fortificazioni veneziane a Bergamo, Peschiera, Palmanova, Sebenico, Zara e Cattaro, recentemente inserite nel patrimonio mondiale UNESCO dell’umanità. Si parlerà della grande musica settecentesca. Verranno letti brani dello scrittore Casanova nelle tre lingue in cui egli scrisse (italiano, francese e veneziano) e nelle traduzioni in inglese ed esperanto. L'iniziativa è promossa congiuntamente dall'Istituto di Cultura, dall'Ambasciata d’Italia, dalla Oslo Kammerakademi, dalla Federazione Esperantista Italiana e dal Comitato Dante Alighieri di Oslo. Per continuare a leggere, cliccare qui.

18 settembre 2017

Venerdì 22 settembre, ore 19: Casanova, Venezia, la musica e lo stoccafisso

Nel fine settimana tra il 22 e il 24 settembre si parlerà di Venezia ad Oslo e di Norvegia a Venezia con un trittico di eventi coordinati. Filo conduttore: Giacomo Casanova, avventuriero e uomo di mondo, ma anche raffinato intellettuale, scrittore, traduttore e rappresentante di un ‘700 cosmopolita ed irrequieto.

Venerdì 22 settembre, a partire dalle ore 19.00 all'IIC Oslo,  Oscarsgt. 56, sarà offerto un approccio multidisciplinare alla figura di Casanova. Si parlerà della Venezia settecentesca come centro culturale internazionale, illustrando le fortificazioni veneziane a Bergamo, Peschiera, Palmanova, Sebenico, Zara e Cattaro, recentemente inserite nel patrimonio mondiale UNESCO dell’umanità. Si parlerà della grande musica settecentesca. Verranno letti brani dello scrittore Casanova nelle tre lingue in cui egli scrisse (italiano, francese e veneziano) e nelle traduzioni in inglese ed esperanto. L'iniziativa è organizzata dall'Ambasciata d'Italia in Norvegia ed è promossa congiuntamente dall'Istituto Italiano di Cultura di Oslo, dalla Oslo Kammerakademi, dalla Federazione Eperantista Italiana e dal Comitato della Dante Alighieri di Oslo. Ingresso gratuito. 

Domenica 24 settembre la Oslo Kammerakademi offrirà musiche del ‘700 europeo intervallate da letture delle lettere di Casanova. L'evento dal titolo Casanova - en 1700-tallskosmopolitt, si svolgerà all'Opera alle ore 18:30.
Proprio in quei giorni, ed in diretto collegamento con Oslo, avranno luogo a Sandrigo (nei pressi di Vicenza e Venezia) le tradizionali giornate italo-norvegesi, organizzate dalla Confraternita del bacalà alla vicentina. Sono attesi decine di migliaia di visitatori ed ampie delegazioni norvegesi, in particolare dal Comune di Røst nelle Lofoten, dove il navigatore Pietro Querini approdò nel 1431 dando inizio al commercio di stoccafisso in Italia.

15 settembre 2017

Mercoledì 11 ottobre, dalle 18 alle 20: Incontro di lettura della Divina Commedia

Mercoledì 11 ottobre, dalle ore 18 alle 20, nella Biblioteca dell'Istituto Italiano di Cultura di Oslo (IIC) si terrà il primo di una serie di incontri di lettura sulla Divina Commedia, organizzati dal locale comitato della Società Dante Alighieri.


In collaborazione con l’IIC, verrà offerta ai soci della Dante e ad altri interessati l’opportunità di partecipare ad un gruppo di lettura della Divina Commedia nella Biblioteca "Luigi Di Ruscio" dell’IIC. L’adesione al gruppo è del tutto gratuita  e non è prevista una prenotazione. Gli incontri si svolgeranno con cadenza irregolare di cui sarà data informazione nei siti dell'IIC e del Comitato Dante di Oslo. Coordinatore del gruppo è Michele D’Amico, un grande appassionato di Dante, che ha alle spalle un’esperienza decennale come coordinatore di gruppi di lettura di testi classici italiani ed in particolare della Divina Commedia presso le biblioteche pubbliche di Torino.
Ai partecipanti non è richiesta una preparazione particolare, è sufficiente l’interesse, la voglia di capire, la passione. Con questi ingredienti non c’è difficoltà ad affrontare la Divina Commedia, si capirà che quel testo non è solo patrimonio dei dotti. Il coordinatore propone un approccio diretto al testo, in cui la lettura è collettiva e la celebrazione del testo è contemporanea per tutti. L’intenzione è di iniziare con il primo verso dell'Inferno. I partecipanti dovrebbero presentarsi con la propria copia su cui seguire il testo, ed eventualmente leggerne una parte anche loro. In una lettura condivisa, tutti intorno ad un tavolo, aiutandosi l'un l'altro, ci si può prendere gusto, ci si può divertire.
Il primo incontro avrà luogo mercoledì 11 ottobre dalle 18 alle 20 nella Biblioteca dell’IIC. Una copia integrale della Divina Commedia può essere scaricata cliccando qui 
Per chi non possiede una copia dell’Inferno l’IIC metterà a disposizione delle fotocopie dei Canti che saranno letti. 
Nel primo incontro saranno letti i primi tre Canti dell’Inferno. 

                    

6 settembre 2017

7 settembre 2017, ore 18.30: ALL’IIC DI OSLO "PIRANDELLO 150 - UN OMAGGIO"

OSLO\ aise\31.08.2017 - A Oslo serata dedicata a Luigi Pirandello, scrittore, drammaturgo e poeta insignito nel 1934 del Premio Nobel per la Letteratura, in occasione dei 150 anni dalla nascita. 
L'evento è un'iniziativa del Pirandello Stable Festival, festival pirandelliano che si tiene annualmente ad Agrigento e giunto ormai alla sua XVI edizione, insieme all’Istituto Italiano di Cultura e al Comitato della Dante Alighieri di Oslo.

Per leggere l'articolo cliccare qui.

30 agosto 2017

7 settembre 2017: Omaggio a Luigi Pirandello - 150 anni


Invitiamo caldamente i nostri soci a partecipare alla serata in omaggio a Pirandello, alla quale - su richiesta dell’Istituto Italiano di Cultura di Oslo (IIC) - abbiamo concesso il nostro patrocinio. L'evento, organizzato dall'IIC in collaborazione con l'Associazione Culturale “Sole e Tradizioni di Sicilia”, avrà luogo nella sede dell’IIC in Osarsgate 56, giovedì 7 settembre alle ore 18.30.

La serata prende spunto dai punti di contatto e dalle differenze tra la letteratura scandinava e le opere pirandelliane ma si occuperà anche dell’influenza esercitata dal grande drammaturgo agrigentino, insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1934, sul cinema internazionale con riferimenti specifici alla cinematografia scandinava. La serata prevede la proiezione de "La cultura scandinava e Pirandello: Pirandello, Ibsen, Strindberg e Ingmar Bergman: punti di contatto e di differenze" nonché letture e recite di monologhi pirandelliani, canti (in siciliano) e infine una conversazione su vari temi pirandelliani quali quello dell'identità.

Con:
Prof. Dario Costantino, specialista di Pirandello
Antonio Zarcone, folk singer pirandelliano
Mariagrazia Castellana, attrice
Giugiù Gramaglia, attore
Prof. Mario Gaziano, direttore del Pirandello stable festival e regista
Per ulteriori informazioni consultare il sito dell’IIC:

26 agosto 2017

4 settembre 2017: Conferenza di Solveig Tosi sul tema "Viaggio in Italia tra esseri plurisecolari"

Carissimi soci ed amici,
lunedì 4 settembre alle ore 18:30 si svolgerà la nostra prima conferenza autunnale presso l`Istituto Italiano di Cultura a Oscars gate 56. Nostra ospite sarà la prof.ssa Solveig Tosi che terrà una conferenza dal titolo: Viaggio in Italia tra esseri plurisecolari - Proposta per un percorso ecoturistico tra mito e storia, alla scoperta degli alberi monumentali italiani.


Pino piantato nel 1867 da Garibaldi nel giardino della sua casa a Caprera
in occasione della nascita di sua figlia Clelia

La conferenza tratta di alberi presenti in Italia che hanno raggiunto età ragguardevoli di diverse centinaia di anni. Alcuni di questi esemplari sono diventati monumenti vegetali nazionali.
Saranno analizzate le caratteristiche biologiche che li rendono così longevi e si descriveranno i luoghi in cui si trovano e alcuni aneddoti storici avvenuti intorno a loro. I monumenti vegetali oggetto della conferenza sono stati scelti in modo da tracciare un percorso di interesse ecoturistico.

Solveig Tosi è nata ad Halden nel 1963. Laureata in Scienze Biologiche all’Università di Roma è Professore Associato all’Università degli Studi di Pavia, insegna botanica e micologia. E’ presidente vicario dei corsi di Laurea Triennale in Scienze e Tecnologie per la Natura e Magistrale in Scienze della Natura, Università di Pavia. Fa parte del Gruppo di Lavoro “Biorigenerazione” dell’Agenzia Spaziale Italiana. Le ricerche scientifiche sono principalmente incentrate sulla biologia dei funghi e sul loro possibile utilizzo nella lotta biologica e nei processi di biorigenerazione e biorisanamento ambientale. Ha scritto diversi articoli su riviste indicizzate a livello internazionale e ha partecipato a diversi convegni a carattere nazionale e internazionale.

Alla conferenza farà seguito un piccolo rinfresco.

Cordiali saluti
Il Consiglio Direttivo di Oslo