9 giugno 2015

8 giugno 2015: conferenza del dott. Fabio Ferrarini "L'immagine della cultura italiana nell'Europa settentrionale dal 1945 al 1961"


Lunedì 8 giugno alle ore 18:30 il dott. Fabio Ferrarini ha tenuto presso il ristorante Rodeløkken kafé a Bygdøy una conferenza dal titolo: L'immagine della cultura italiana nell'Europa settentrionale dal 1945 al 1961.
 
Come si è evoluta l’immagine della cultura italiana nell'Europa settentrionale dopo il delicato passaggio dalla propaganda fascista alla nuova diplomazia culturale promossa dall'Italia repubblicana all'interno della nascente Comunità Europea? Quali istituzioni e quali personaggi hanno consentito all'Italia di risorgere e diventare progressivamente una "potenza culturale"? Come è stato possibile dare vita ad un moderno Rinascimento europeo in armonia con i vecchi nemici ed i nuovi alleati? A queste domande è oggi possibile dare le prime risposte concrete grazie alla ricerca storica condotta su diversi paesi europei tra cui la Germania e la Norvegia, in preparazione di un ampio studio dedicato allo sviluppo della diplomazia culturale nell'Europa settentrionale.

Fabio Ferrarini nasce a Monfalcone (Gorizia) il 2 marzo del 1983. Nel 2006 si laurea in Scienze Giuridiche presso l’Università degli Studi di Milano con una tesi in diritto comparato. Dal 2007 al 2009 lavora alla Fondazione Biblioteca Europea di Informazione e Cultura (BEIC) di Milano. Nel 2007, insieme a Fulvio Ferrarini, fonda e gestisce il sito internet culturale “www.ilcaffeorientale.com”. Dal 2008 al 2010 promuove eventi culturali di carattere storico e storico – artistico presso la Galleria d’Arte Eustachi di Milano in qualità di responsabile delle pubbliche relazioni e della comunicazione. Nel 2011 si laurea in Scienze Storiche presso l’Università degli Studi di Milano. Dal febbraio 2012 al febbraio 2015 è stato Tesoriere, docente e responsabile culturale della Società Dante Alighieri di Berlino. Dal dicembre del 2014 è Cultore della materia e tutor presso la cattedra di Storia contemporanea del corso di laurea in Comunicazione e Società dell’Università degli Studi di Milano.

Nessun commento:

Posta un commento