27 aprile 2017

Mercoledì 10 maggio: conferenza del Prof. Sen. Francesco Palermo sul tema "I rapporti tra le minoranze nazionali e il governo nazionale in Italia"




Mercoledì 10 maggio, alle ore 18:30, il senatore Francesco Palermo terrà nella sala eventi dell’Istituto Italiano di Cultura, Oscarsgt. 56 una conferenza dal titolo: I rapporti tra le minoranze nazionali e il governo nazionale in Italia

L’Italia è uno dei Paesi europei che concede maggiori diritti alle minoranze nazionali e nel contempo un Paese in cui alcune minoranze si trovano a rischio di assimilazione. Ciò si spiega con le diverse vicende storiche e politiche legate a ciascun gruppo minoritario. La relazione affronta tali ragioni e illustra l’assai diversificato grado di tutela delle diverse minoranze, anche alla luce degli obblighi internazionali assunti in materia dall’Italia. Il trattamento delle minoranze linguistiche è una interessante cartina di tornasole per la comprensione di diversi aspetti della società italiana e consente di mettere in relazione le normative più consolidate di tutela e la disciplina più recente in tema di immigrazione e integrazione.

Francesco Palermo è professore di diritto costituzionale comparato all’Università di Verona e direttore dell’Istituto per lo Studio del Federalismo e del Regionalismo dell’Eurac di Bolzano. E’ avvocato e pubblicista. Ha conseguito la laurea in giurisprudenza a Trento e il dottorato di ricerca a Innsbruck. Ha insegnato in diverse università europee e americane, ha lavorato per l’OSCE, il Consiglio d’Europa e l’Unione europea soprattutto in tema di diritti delle minoranze. Dal 2014 al 2016 è stato presidente del Comitato consultivo della Convenzione Quadro del Consiglio d’Europa per la protezione delle minoranze nazionali. Senatore del gruppo per le autonomie da marzo 2013 si impegna nelle commissioni paritetiche al Senato (affari costituzionali, tutela e promozione dei diritti umani, ecc.). È autore di oltre 200 pubblicazioni. Il CV completo del Prof. Sen. Francesco Palermo è consultabile qui:
Http://www.eurac.edu/it/research/autonomies/sfereg/staff/Pages/staffdetails.aspx?persid=17











5 aprile 2017

26 aprile 2017: conferenza della prof.ssa Ilona Fried sul tema "Gli intellettuali e il teatro sotto il Fascismo"


La sezione d’italiano presso l’Istituto di lingue e letterature europee (ILOS) dell’Università di Oslo, in collaborazione con la Società Dante Alighieri, Comitato di Oslo e l’Istituto Italiano di Cultura di Oslo, invitano alla conferenza "Gli intellettuali e il teatro sotto il Fascismo", che sarà tenuta dalla prof.ssa Ilona Fried dell’Università di Budapest (Ungheria) mercoledì 26 aprile, ore 18.30, presso la sede dell’Istituto Italiano di Cultura, Oscarsgate 56, Oslo



Il volume "Il Convegno Volta" di Ilona Fried è stato pubblicato dalla Casa Editrice Titivillus nel 2014
Che posizione hanno tenuto gli intellettuali e gli artisti italiani che non aderirono ai movimenti antifascisti negli anni ’30 del secolo scorso? La conferenza partirà dal Convegno Volta sul teatro drammatico, che venne organizzato nel 1934 dalla Reale Accademia d’Italia, istituzione di spicco cui il regime fascista affidava il compito di rappresentare dentro e fuori i confini nazionali i meriti artistici e scientifici della rigenerata cultura italiana. Gli organizzatori vollero dimostrare l’importanza e il prestigio del teatro italiano e, in particolare, la sua capacità di reggere il confronto con altre forme di spettacolo come il cinema e lo sport.
Storicamente, il Convegno Volta è il punto d’arrivo e il momento di sviluppo di diverse dinamiche culturali. La conferenza tratterà anche dei rapporti tra il teatro italiano e i teatri europei, oltre a quelli tra il mondo della cultura e mondo politico, nell’età dei Totalitarismi.

Ilona Fried è professore ordinario di letteratura italiana al Dipartimento d’italianistica dell’Università Eötvös Loránd di Budapest. Le sue ricerche teatrali vertono in particolare su Pirandello e il teatro italiano fra XIX e XX secolo. Importanti gli studi interculturali (fra cui l’indagine sulle dinamiche culturali, sociali e letterarie della città di Fiume) e quelli dedicati alla narrativa italiana moderna e contemporanea. Ilona Fried ha inoltre organizzato a Budapest numerosi convegni internazionali. Da ricordare le sue partecipazioni a varie iniziative del Centro Nazionale di Studi Pirandelliani di Agrigento, del Centre de Recherches Italiennes de l’Université Paris Quest Nanterre La Defense, del CNRS a Parigi e d’altre realtà culturali. Fra le sue pubblicazioni in Italia "Fiume. Città della memoria", (Del Bianco, Udine 2005). È caporedattore e cofondatrice della rivista online «Italogramma» http://italogramma.elte.hu